Blog Progetto Ulivi

in arrivo buone notizie


...e ancora una volta il nostro motore
resta l'entusiasmo dei bambini, immancabile ed inesauribile!

Dopo quanto accaduto al campo di ulivi (un bulldozer israeliano ha raso al suolo la capannina in cui custodivamo tutti gli attrezzi per coltivare e curare le piante) nei giorni passati si è cercato di capire quale potesse essere il significato di tale gesto e quali implicazioni ci sarebbero state per il nostro progetto. Posto che si tratta soltanto di supposizioni (ad oggi nessuno conosce le reali motivazioni) è possibile che la capannina sia stata volutamente scambiata per un “edificio” e per questa ragione distrutta: il campo infatti si trova di fronte ad una delle colonie illegali di israele, Har Gilo, e datane la vicinanza (tra il terreno e l'insediamento passa soltanto una strada) Israele ha imposto il divieto di costruire sul terreno in questione. Che si tratti quindi della quantomeno discutibile applicazione di una legge o che sia stato un avvertimento, è chiaro che ad Israele stiamo scomodi - con i nostri bambini, gli ulivi e tutti gli internazionali che transitano dal nostro campo - e in qualche modo ce l'ha voluto comunicare.

Poste queste premesse Lina, l'educatrice, ha ritenuto opportuno sospendere, almeno per il momento, gli incontri con i bambini al campo. Scelta dettata anche e soprattutto dall'incertezza rispetto all'incolumità e alla sicurezza dei bambini, che resta una delle nostre priorità, nonostante questi ultimi domandino spesso di tornare alla “loro” terra, per occuparsi degli ulivi di cui hanno nostalgia.

Per ovviare a questa richiesta e per mantenere vivo l'entusiasmo dei bambini Lina ha organizzato una giornata di raccolta delle olive in un campo situato a Beit Sabha. È stata una giornata bellissima, in cui i bambini hanno condiviso con alcune delle loro famiglie la gioia di raccogliere questi preziosi frutti, simbolo della loro terra, la Palestina. Si è trattato anche di un momento conviviale in cui si è condiviso il pranzo e si è sorseggiato tutti insieme del the, permettendo alle famiglie di fare una pausa dalla faticosa routine quotidiana. Un giorno che non dimenticheranno mai, hanno detto, e questa resta per noi una gioia che nessun bulldozer potrà mai spianare.

Per un giorno, insomma, ciò che il “nostro” campo di ulivi rappresenta – l'aggregazione, il coinvolgimento delle famiglie, la seppur metonimica riappropriazione di una terra che viene via via sottratta – è stato spostato qualche km più in là. L'entusiasmo dei bambini, delle loro famiglie e dell'educatrice però sono rimasti la costante, con la speranza, a breve, di poter far ritorno al nostro campo.

Amal (appunto!)

Aggiornamenti da Bethlehem

Bethlehem / Beit Jala: Early this morning, the occupation bulldozers entered a land in the Al-Bassa area, between Beit Jala and Al-Walajeh and destroyed a metallic tool shed. The land is used by the Amal Center for Children, an italo-palestinian association working with children from the area and by the International Solidarity Initiative, a solidarity organization in Bethlehem. Elie Shehadeh, the owner of the land, informed us that the occupation bulldozers entered the land this morning and destroyed the metallic shed that held all the tools used for these projects. The land is opposite the illegal settlement of Har Gilo.

dal sito dell'AIC ita: http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/11-aic-projects/3209-i-bulldozer-israeliani-minacciano-gli-ulivi-dei-bambini-di-al-walaje


disaster1 disaster2

Purtroppo questo messaggio ci preoccupa e siamo in attesa di avere ulteriori dettagli in merito... Seguiranno nuovi aggiornamenti.

Il direttivo di AMAL

Progetto Ulivi: "evoluzioni"


Arrivano anche i fiori, in attesa che gli ulivi maturino...


Il nostro carissimo tecnico agricoltore Mohammed ha fatto visitare la sua serra ai bambini di AMAL, che si sono dimostrati entusiasti per la nuova esperienza e per le nuove nozioni sui fiori e le coltivazioni in serra apprese durante la "gita".



resized_Photo1249.jpg resized_Photo1260.jpg

resized_Photo1265.jpg resized_Photo1293.jpg

resized_SAM_1205.JPG resized_SAM_1212.JPG

resized_SAM_1214.JPG resized_SAM_1216.JPG

resized_SAM_1234.JPG resized_SAM_1239.JPG

resized_SAM_1240.JPG resized_SAM_1241.JPG

resized_SAM_1254.JPG resized_SAM_1263.JPG

wow, ecco i primi frutti...!!

SAM_0775.new.jpg SAM_0778.new.jpg

SAM_0784.new.jpg SAM_0790.new.jpg

SAM_0793.new.jpg SAM_0800.new.jpg

SAM_0807.new.jpg SAM_0820.new.jpg

SAM_0825.new.jpg SAM_0827.new.jpg

immagine e ricordi del viaggio di luglio 2011

tra una danza ed una manifestazione, tra un ballo ed una recita, tra un attività al centro amal ed una cena tra amici... abbiamo anche curato i "nostri" alberelli! ancora avvolti dalla magia palestinese. olèé

SAM_0129.new.jpg SAM_0155.new.jpg

SAM_0160.new.jpg SAM_0175.new.jpg

SAM_0182.new.jpg SAM_0188.new.jpg

SAM_0197.new.jpg SAM_0208.new.jpg

SAM_0209.new.jpg SAM_0216.new.jpg

SAM_0238.new.jpg SAM_0240.new.jpg

SAM_0257.new.jpg SAM_0294.new.jpg

SAM_0299.new.jpg SAM_0312.new.jpg

SAM_0357.new.jpg SAM_0379.new.jpg

SAM_0405.new.jpg SAM_0418.new.jpg

SAM_0422.new.jpg SAM_0425.new.jpg

SAM_0447.new.jpg SAM_0453.new.jpg

SAM_0464.new.jpg SAM_0467.new.jpg

SAM_0496.new.jpg